free web templates

Piemonte

4 - 6 Settembre 2020

Visiteremo:

- Forti di Fenestrelle
- Canyon San Gervasio a Claviére
- Briançon (F)
- Sacra di San Michele

 


 

I FORTI DI FENESTRELLE

I FORTI DI FENESTRELLE è un complesso fortificato eretto dal secolo XVIII al secolo XIX in località Fenestrelle in Val Chisone (provincia di Torino). Per le sue dimensioni ed il suo sviluppo lungo tutta il fianco sinistro della valle la Fortezza è detta anche la grande muraglia armata piemontese. Dal 1999 è diventata il simbolo della Provincia di Torino ed il World Monuments Fund, nel 2007, ha inserito la Fortezza nella lista dei 100 siti storico-archeologici di rilevanza mondiale più a rischio, essa fa parte dei quattro siti italiani inclusi.

Progettato dall’ingegnere Ignazio Bertola con funzione di protezione del confine italo-francese venne completato solamente nel secolo successivo e non fu mai coinvolto in assedi o assaltato in forze, ma fu protagonista di alcune schermaglie minori e di una importante nella seconda guerra mondiale. Dopo un lungo periodo di abbandono, durato dal 1943 al 1990, è iniziato un illimitato progetto di recupero, tuttora in corso, che lo ha aperto al grande pubblico. La costruzione definita erroneamente “forte” è in realtà un insieme ininterrotto di strutture fortificate. Nella fattispecie la fortezza è formata da: 3 forti e 7 ridotte, uniti ed indipendenti fra loro, collegati da spalti, bastioni risalti e scale ha una superficie complessiva di 1.350.000 m2 sviluppandosi per oltre tre chilometri su un dislivello di circa 650 metri. Nella sua tipologia costruttiva è la più grande fortezza settecentesca a Serravalle esistente al mondo ed è, più genericamente, la seconda costruzione militare antica del pianeta in termini di lunghezza complessiva, seconda solo alla grande muraglia cinese. Insieme al Forte di Exilles a al Forte di Vinadio, rappresenta una delle più significative strutture difensive del Piemonte. Il più antico dei 3 forti che la costituiscono, il Forte delle Valli, è l’ultimo forte alpino originale settecentesco esistente in Italia, giacché tutti gli altri sono stati demoliti o ammodernati.

1° GIORNO - Venerdì 4 settembre

Partenza da Mantova alle ore 06:30.
Raggiunta Torino, si proseguirà verso Pinerolo, da dove seguendo la strada della Val Chisone, si arriverà nei pressi di Fenestrelle (km.350 da Mantova). Poco prima del paese si salirà un breve tratto di strada fino all'ingresso del parco dove si trova il primo forte: Forte S. Carlo, quota m.1190. Essendo oramai quasi l'ora di pranzo, faremo uno spuntino in un punto di ristoro della zona.

Nel primo pomeriggio faremo la visita del Forte S. Marco, con i suoi palazzi, i sotterranei e le cucine. Chi se la sente può risalire la scalinata da cui ha inizio la salita fino alla cima. Noi ci accontenteremo di farne un breve tratto.
All'ora stabilita ci si troverà al parcheggio del bus per proseguire il nostro viaggio verso Claviere. Se il tempo lo permetterà faremo una breve sosta al vicino Paese di Usseaux, uno dei Borghi più belli d’Italia.

A Claviere, m.1750, ci recheremo presso l’hotel prenotato per due notti con trattamento di mezza pensione.

2° GIORNO - Sabato 5 settembre

Escursione al Gorge di San Gervasio e gita a Briançon.
In mattinata si farà l'escursione all’interno delle Gole di San Gervasio dove potremo ammirare in tutta la su lunghezza (m. 408) considerato il più lungo ponte sospeso al mondo. Noi, non avendo le capacità e l’attrezzatura adatta per attraversarlo, ci limiteremo ad ammirarlo e fotografarlo. Il percorso che si farà è molto spettacolare e facile per una durata di circa 45 minuti.

Finita l'escursione, trovandoci a due passi dal confine con la Francia, andremo a visitare l’interessante cittadina di Briançon, circa km.15 da Claviere. Ne visiteremo il centro storico, alle cui porte si trova un antico castello medioevale.

Al termine di questa visita faremo ritorno a Claviere presso il nostro hotel per la cena ed il pernottamento.

CLAVIERE: GORGE di SAN GERVASIO

Claviere m. 1750 - Ponte Tibetano si tratta in realta di un lunghissimo ponte sospeso costruito su funi di acciaio. Lunghissimo, 408m + altri 70m, tanto da meritare il record diPonte Tibetano più lungo del Mondo. Attraversa il corso delle Gorge di San Gervasio ad unaaltezza media da terra di 25 metri, dove sotto di esso scorre incassato nella gola il torrente Piccola Dora.

Da Claviere, paesino situato sul limite frontaliero con la Francia in alta valle di Susa, parcheggiato il bus in prossimità del campeggio posto all’ingresso dell’abitato. Saliremo pochi metri per sentiero, raggiungendo una Chiesetta sulla altura adiacente al camping, quindi per sentiero abbassarsi in direzione del fondo della gola, in una manciata di minuti si raggiunge il casottino in legno, montato a sbalzo sul ripido versante, che segna il punto di inizio del Ponte, qui una comoda piazzola anche essa a sbalzo permette di ammirare il ponte tibetano.

USSEAUX - uno dei borghi più belli d’Italia

Usseaux ha l’aspetto di un tipico paesino montano, pulito e ordinato, con fiori ai balconi e casette deliziose, spesso di pietra o legno, dal tetto spiovente. Ma la cosa che colpisce più di tutte è il vasto numero di murales, o trompe l’oeil, che decorano le facciate delle abitazioni. Cos’è un trompe l’oeil? Non è altro che un dipinto su muro che sembra quasi tridimensionale. Ecco quindi che i soggetti raffigurati sembrano prendere vita: abbiamo giovinette intente a svolgere le faccende di casa, paesaggi, animali domestici e da cortile, fiori e piante. Tutti soggetti che riportano alla quotidianità, alla vita vissuta e alla natura che caratterizzano questo bellissimo borgo abbracciato dalle Alpi Cozie e immerso in ben due Parchi Naturali: quello Orsiera-Rocciavrè e quello del Gran Bosco di Salbertrand.

3° GIORNO - Domenica 6 settembre

Ritorno a Mantova con sosta e visita alla Sacra di San Michele.
Dopo la prima colazione si partirà per fare ritorno a Mantova.
Discesi a Oulx si percorrerà la Val di Susa fino a S. Ambrogio, il Comune a cui appartiene la Sacra, da dove si salirà al parcheggio nei pressi della stessa.
Dal parcheggio, una volta pagato il biglietto per la visita, bisogna risalire un tratto di strada a piedi abbastanza faticoso fino alla Scala Santa con la quale si giunge al portale della chiesa.

Dopo questa visita si farà ritorno al bus con il quale avrà inizio il viaggio di rientro a Mantova.

BRIANÇON

Cittadina francese del dipartimento delle Hautes-Alpes, situata nell’alta valle della Durance, m.1330, alla confluenza di tre piccole valli (Durance superiore, Guisane, Cerveyrette). Essa domina l’accesso a una serie di colli importanti (Lautaret, Galibier tra il Delfinato e la Savoia, Ayes e Izoard verso il Queyras, Échelle e Monginevro verso l’Italia) e tale ubicazione ne ha fatto un centro commerciale e una poderosa fortezza. La città era capitale d’una piccola organizzazione amministrativa che godeva di grandi privilegi (les Escartons), e che era posta a cavaliere della frontiera, comprendendo le alte valli, oggi italiane, della Dora Riparia, del Chisone e della Varaita.

SACRA DI SAN MICHELE

In Val di Susa c'è un luogo magico e mistico allo stesso tempo, una meraviglia sospesa a mille metri d’altezza, un complesso architettonico dove il tempo sembra essersi fermato al medioevo. È la Sacra di San Michele, il simbolo indiscusso del Piemonte.

Questa imponente Chiesa è un complesso architettonico, all’imbocco della Val di Susa; è situato nel territorio del comune di Sant’Ambrogio di Torino ed appartiene alla diocesi di Susa. È il monumento simbolo della Regione Piemonte. Ristrutturato, è affidato alla cura dei padri Rosminiani.

La Sacra di San Michele nasce e cresce con la sua storia e le sue strutture attorno al culto di San Michele che approdò in Val di Susa nei secoli V o VI. La sua ubicazione in altura e in uno scenario altamente suggestivo, richiama immediatamente i due insediamenti micaelici del Gargano e della Normandia. Fondata tra il 983 e il 987 sullo sperone roccioso del monte Pirchiriano si trova al centro di una via di pellegrinaggio di oltre duemila chilometri che unisce quasi tutta l’Europa occidentale da Mont- Saint-Michel, in Francia e a Monte Sant’Angelo in Puglia.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

La quota comprende:

- viaggio con bus riservato
- alloggio per due notti presso l'albergo a Claviére, 3 stelle con    
  trattamento di mezza pensione (bevande escluse)

La quota non comprende:

- i pranzi di mezzogiorno
- le bevande alle cene
- gli ingressi al Forte di Fenestrelle ed alla Sacra di S. Michele
- quant'altro non compreso alla voce “La quota comprende”

Mantegna Viaggi
di Luciano Fornari

Partita iva 01679350205 

Mantova
Via Ippolito Nievo 4A

Email: info@mantegnaviaggi.it
Tel.: 0376 368594

San Martino dall'argine

Piazza castello


Email: gruppi@mantegnaviaggi.it

Tel.: 0376 91818,  3477457773